Salta al contenuto

Contenuto

Nell’ottica di massima trasparenza e adeguata rendicontazione relativa all’avanzamento dei lavori per la realizzazione del nuovo ponte di Carseggio, la scrivente amministrazione comunale informa che in data di ieri la sindaca Beatrice Poli, accompagnata dai referenti dei servizi sociali e dalle forze dell’ordine, ha incontrato quella parte di residenti di via Macerato che hanno risposto presente all’invito di confronto divulgato dal municipio. Questa mattina, invece, si è svolta una specifica conferenza stampa riservata agli organi di stampa. In programma c’è, con data in corso di definizione, un terzo appuntamento pubblico incentrato sul tema dell’alluvione e aperto all’intera cittadinanza i cui dettagli saranno presto comunicati.

Il confronto con gli abitanti di Carseggio presenti si è rivelato estremamente proficuo per raccogliere una serie di bisogni specifici in ottica di aggiornamento dell’attuale ordinanza di evacuazione in vigore nella zona. Un documento forgiato nel pieno dell’alluvione di primavera quando la priorità era focalizzata sulla gestione controllata delle criticità insieme alla Protezione Civile. Lavoreremo sul supereremo della componente oraria contenuta nel testo a beneficio dei residenti, persone over 70 con patologie di salute e minori in età scolastica esclusi, nel rispetto di quelle che saranno le allerte meteo e gli innalzamenti dei livelli idrometrici del Santerno”, ha detto la sindaca Poli ai giornalisti.

Comprendiamo lo stato d’animo dei residenti di Carseggio, le cui necessità vanno al di sopra di tutto, dopo tanti anni di attesa. Dopo l’aggiudicazione della gara d’appalto e l’espletamento delle necessarie procedure burocratiche antimafia e per l’accesso all’area fluviale, quest’ultima avvenuta in data 6 novembre, gli operai della ditta Zini Elio hanno avviato il cantiere che prevede una fine lavori calendarizzata al 22 ottobre 2024, 365 giorni dopo la firma sul contratto di inizio delle opere avvenuta lo scorso 24 ottobre”, ha puntualizzato la prima cittadina.

No a strumentalizzazioni. Il dialogo con i residenti presenti non ha rilevato particolari criticità in ottica della prossima stagione invernale circa il reperimento di soluzioni a seguito della modifica dell’ordinanza come concordato, ad eccezione della possibilità di garantire agli allevamenti della zona i necessari approvvigionamenti per la sopravvivenza del bestiame. Così, dopo mirate analisi con tecnici e geologi per vagliare alcune alternative, abbiamo individuato una pista di emergenza transitabile solo con mezzi idonei per il raggiungimento degli allevamenti nei giorni in cui il guado sul Santerno risulti inutilizzabile o si prevedano da lì a breve quadri di allerta. Sarà nostra cura posizionare un defibrillatore in località Carseggio, donato dal Lions Club, e procedere all’organizzazione di un corso per il suo corretto utilizzo dedicato ad una parte dei residenti in modo da garantire un presidio di immediato soccorso in caso di emergenze sanitarie e in attesa dell’arrivo degli operatori medici. Preciso che a quei pochi residenti non presenti ieri sarà dedicato un nuovo momento in settimana proprio per intercettare ulteriori necessità.”, ha sottolineato la sindaca Beatrice Poli.

L’amministrazione ha valutato a partire da maggio anche il possibile posizionamento di un ponte Bailey temporaneo ma, a fronte di costi elevati e logistiche complesse nella coabitazione con le lavorazioni di cantiere attualmente in atto nonché numerosi dubbi sorti sulle possibili portate garantite dallo specifico attraversamento, la soluzione sembra ancora di difficile attuazione in relazione a tutte le esigenze della zona, ma ancora stiamo approfondendo la possibilità anche in relazione ai tempi. Riscontro al momento negativo, nonostante il contatto da parte della scrivente giunta, da parte del Genio Pontieri, per la possibile costruzione di altri simili attraversamenti. Abbiamo consegnato alla struttura commissariale un ampio dossier che ripercorre tutta l’evoluzione legata alla zona di Carseggio e al progetto di costruzione del nuovo ponte. Un documento che rendiconta, tra le altre cose, anche la panoramica numerica sul numero dei nuclei familiari effettivamente residenti, sulle attività lavorative in loco e sui contributi stanziati per le misure Cas oltre a ripercorrere, cronologicamente, i passaggi burocratici ed operativi effettuati. Infine, ricordiamo che da ordinanza n.13/2023 risulta finanziato anche il consolidamento di un dissesto su via Macerato, lato Maddalena, che nulla ha a che fare però né con la pista d’emergenza né con la realizzazione del ponte”, ha concluso la Poli.


A cura di

Questa pagina è gestita da

Assistenza agli organi istituzionali

Ultimo aggiornamento: 18-12-2023, 10:12