Salta al contenuto

Contenuto

Cosa sono

I comuni del Circondario Imolese hanno aderito al “Progetto per la conciliazione vita-lavoro” a sostegno delle famiglie che avranno la necessità di utilizzare servizi estivi per bambini e ragazzi da 3 a 13 anni nel periodo di sospensione estiva delle attività scolastiche.
Al  fine  di  favorire  la  più  ampia  partecipazione  alle opportunità  educative  estive  e  di  contrastare  le  disparità  nell’accesso,  potranno  essere  ammessi  al  contributo per l’abbattimento della quota di iscrizione i bambini e i ragazzi con disabilità certificata ai sensi della Legge 104/1992 di età compresa tra i 3 e i 17 anni.

Elenco dei campi estivi

ELENCO CAMPI ESTIVI - elenco unico circondariale dei soggetti gestori


Eventuali aggiornamenti dell’elenco saranno pubblicati tempestivamente.

La scelta del campo estivo effettuata in domanda potrà essere modificata solo se il campo prescelto in domanda per qualsiasi motivo non dovesse essere disponibile (ad es. mancata attivazione del campo, mancanza di posti disponibili).

Iscrizioni

L'iscrizione va fatta direttamente presso l'Associazione, ente o cooperativa che organizza il campo.

Contributi per la frequenza

Il progetto prevede contributi economici per la frequenza a questi centri estivi.

Il contributo alla singola famiglia per ciascun bambino/ragazzo è determinato come contributo per la copertura del costo di iscrizione ed è:

  • pari al massimo a € 100,00 per ciascuna settimana se il costo di iscrizione previsto dal soggetto erogatore, è uguale o superiore a € 100,00
  • pari all’effettivo costo di iscrizione per settimana se lo stesso è inferiore a € 100,00
  • complessivamente pari ad un massimo di € 300,00 per ciascun bambino/ragazzo

L’eventuale minore spesa sostenuta per ciascuna settimana potrà consentire:

  • l’ampliamento del periodo di frequenza, ovvero del numero di settimane di partecipazione del bambino/ragazzo presso lo stesso centro estivo;
  • di contribuire alla parziale riduzione del costo effettivo per la partecipazione ad una eventuale settimana aggiuntiva presso lo stesso centro se le risorse residue, rispetto al contributo massimo richiesto, permettano solo parzialmente la copertura del costo di iscrizione restando la differenza rispetto al costo di iscrizione non coperto dal contributo pubblico in carico alla famiglia.

Si specifica inoltre che:

  • le settimane possono essere anche non consecutive;
  • le settimane possono essere fruite anche in centri estivi differenti, anche aventi costi di iscrizione differenti, ricompresi negli elenchi approvati dai Comuni/Unioni di Comuni, anche con sede in altro distretto rispetto a quello di residenza.

In ogni caso la famiglia dovrà richiedere il contributo al Comune di residenza, indipendentemente dalla ubicazione del Centro estivo che potrà essere anche in distretti differenti e pertanto sull’intero territorio regionale.

Le risorse assegnate da parte della Regione E-R per il Circondario Imolese sono pari a euro 216.002,00.

Requisiti per l'ammissione

Possono chiedere il contributo le famiglie di bambini e ragazzi di età compresa tra  3 e 13 anni (nati dall’01/01/2010 ed entro il 31/12/2020) residenti nei comuni appartenenti al Circondario Imolese:

  • appartenenti a famiglie con attestazione ISEE 2023 (Indicatore Situazione Economica Equivalente)  o,  in  alternativa  per  chi  non  ne  è  in  possesso,  con  attestazione  ISEE 2022, nonché, nei casi previsti dalle disposizioni vigenti, con ISEE corrente fino a 24.000,00 euro.
    Nel caso in cui la famiglia sia in possesso della dichiarazione ISEE 2023 NON potrà essere utilizzata la dichiarazione 2022.
  • appartenenti a famiglie, da intendersi anche come famiglie affidatarie e nuclei monogenitoriali, nelle quali:
    • entrambi i genitori siano occupati ovvero siano lavoratori dipendenti, parasubordinati, autonomi o associati, comprese le famiglie nelle quali uno o entrambi i genitori siano fruitori di ammortizzatori sociali o se, uno o entrambi i genitori, siano disoccupati e abbiano sottoscritto un Patto di servizio quale misura di politica attiva del lavoro
    • in cui solo uno dei due genitori sia occupato o rientri nelle fattispecie di cui sopra, se l’altro genitore è impegnato in modo continuativo in compiti di cura, valutati con riferimento alla presenza di componenti il nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienza, come definiti ai fini ISEE.
    • iscritti ad un centro estivo fra quelli contenuti nell’elenco unico circondariale dei soggetti gestori individuati oppure iscritti ad un centro estivo di un altro Comune/Distretto della Regione Emilia-Romagna che ha aderito al sopra citato “Progetto per la conciliazione vita-lavoro”;
    • che abbiano effettivamente frequentato almeno un giorno nella settimana di riferimento per cui si richiede il contributo, presso il centro estivo prescelto iscritto nell’elenco unico circondariale.

disabilità accertate

Al fine di favorire la più ampia partecipazione alle opportunità educative estive e di contrastare le disparità nell’accesso, potranno essere ammessi al contributo per l’abbattimento della quota di iscrizione i bambini e i ragazzi con disabilità certificata ai sensi della Legge 104/1992 di età compresa tra 3 e 17 anni (nati all’01/01/2006 ed entro il 31/12/2020) indipendentemente dall’attestazione  ISEE  (Indicatore  Situazione  Economica  Equivalente)  delle  famiglie, fermo restando gli altri requisiti di accesso.

Cumulo contributi

Si può accedere al contributo regionale anche nel caso in cui si benefici, per il medesimo servizio, di contributi erogati da altri soggetti pubblici e/o privati nonché di specifiche agevolazioni previste dall’ente locale.

A tal fine è necessario il rispetto dei seguenti requisiti:

  • la somma dei contributi per lo stesso servizio, costituita dal contributo di cui al presente avviso e di eventuali altri contributi/agevolazioni  pubbliche  e/o  private,  non  deve  essere superiore al costo totale di iscrizione;
  • che sia dichiarato in domanda il valore dell’ulteriore contributo ricevuto per il medesimo servizio;
  • il costo di iscrizione settimanale al centro estivo deve essere definito e pubblicizzato;
  • siano debitamente tracciate e verificabili le condizioni di cui ai precedenti punti.

Inoltro delle domande - scadenze

Le domande di contributo dovranno pervenire entro il 18 maggio 2023 (farà fede la data di arrivo) presso il comune di residenza del minore.

La  richiesta  di  contributo  non  comporta  l’iscrizione  al  centro  estivo  prescelto  tra  quelli  iscritti nell’elenco unico circondariale; l’iscrizione dovrà essere perfezionata presso l’ente gestore.

domande on line

Le  domande  dovranno  essere  presentate  esclusivamente  con  modalità  on line sulla piattaforma

esclusivamente da mercoledì 27 aprile a giovedì 18 maggio

servizionline.nuovocircondarioimolese.it utilizzando  le  credenziali  SPID,  CIE  o  CNS.
 [preleva il vademecum per l'utilizzo della piattaforma]

Solamente per comprovati motivi di impossibilità all’utilizzo della piattaforma on line con credenziali SPID, CIE o CNS, sarà possibile richiedere un appuntamento con l'ufficio scuola al n. 0542 666122/666223

Erogazione del contributo

Il contributo sarà versato direttamente al gestore del centro estivo frequentato, scelto tra quelli iscritti nell’elenco circondariale.

La famiglia verserà al centro estivo l’eventuale quota eccedente a copertura della retta, qualora superiore a € 100,00 a settimana.

Le ricevute/fatture di pagamento, emesse dal gestore, devono riportare:

  • l’intestazione del soggetto che le rilascia
  • la data, il numero, il timbro e la firma del ricevente
  • l’intestazione al genitore richiedente il contributo
  • il nome del bambino, il numero di settimane e l’importo pagato
  • la quota di contributo regionale riconosciuto e scomputato dalla retta.

Spetta al richiedente contributo controllare l’esattezza dei dati riportati sulla ricevuta/fattura.

Saranno direttamente i gestori dei centri estivi a consegnare al Comune di residenza del bambino le ricevute/fatture di pagamento rilasciate e le dichiarazioni attestanti i periodi di effettiva frequenza da parte dei minori con modalità e tempistiche che saranno loro comunicate.

Il Comune non è in alcun modo responsabile di errori e/o omissioni compiute dai gestori dei centri estivi nell’emissione delle ricevute/fatture o nella rendicontazione delle quote versate e delle frequenze.
Su valutazione esclusiva dell’Amministrazione Comunale, nel caso si renda necessario, sarà possibile procedere all’erogazione del contributo direttamente alle famiglie beneficiarie, secondo le modalità che eventualmente verranno indicate.

Materiali

A cura di

Questa pagina è gestita da

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Piazza Armando Cavalli, 15

40020 Casalfiumanese

Ultimo aggiornamento: 19-01-2024, 09:01